Venetian Symphony tra il rinascimento e il barocco

4,90

Viaggio musicale tra il rinascimento e il barocco

Il termine Barocco fu introdotto nella storiografia per classificare le tendenze stilistiche che segnano l’architettura la pittura e la scultura, e per estensione la poesia e la letteratura tra il XVII secolo e la prima metà del XVIII. Il termine “barocco” fu utilizzato in campo musicale, per definire lo stile della musica a partire ai primi del Novecento.

In campo musicale il Barocco può essere considerato come uno sviluppo di idee maturate nel tardo Rinascimento ed è perciò difficile, e anche arbitrario, voler stabilire una netta demarcazione cronologica precisa di inizio e di fine del periodo barocco in musica. Dal punto di vista geografico, la musica barocca ha origini in Italia, grazie al lavoro di compositori come Claudio Monteverdi, benché verso la metà del XVII secolo essa iniziò a prendere piede e svilupparsi anche in altri paesi europei, sia attraverso i musicisti italiani (compositori, cantanti, strumentisti) che vi erano emigrati, sia attraverso i compositori autoctoni che svilupparono un autonomo indirizzo stilistico.

Il termine “musica barocca” è rimasto convenzionalmente in uso per indicare indistintamente qualunque genere di musica evolutosi fra il tramonto della musica rinascimentale e il sorgere di quello classico, in un arco cronologico che, secondo gli schemi di periodizzazione adottati dai maggiori dizionari e repertori bibliografici musicali andrebbe dal 1600 (prima opera giunta integra fino a noi) al 1750 (morte di Johann Sebastian Bach).

1 · A la guerra a la guerra (Bartolomeo Tromboncino)
2 · Sù, sù, leva, alza le cigia (Bartolomeo Trombaccino)
3 · Deh sì, deh no (Bartolomeo Trombaccino)
4 · Vecchie letrose (Adrian Willaert)
5 · Il bianco e dolce cigno (Jacques Arcadelt)
6 · Sì dolce è ‘l tormento (Claudio Monteverdi)
7 · Adagio (Benedetto Marcello) [Strumentale]
8 · Allegro (Benedetto Marcello) [Strumentale]
9 · Largo (Benedetto Marcello) [Strumentale]
10 · Allegro vivo (Benedetto Marcello) [Strumentale]
11 · Domine Deus Sonata II in Do maggiore (Antonio Vivaldi)
12 · Preludio Adagio (Antonio Vivaldi) [Strumentale]
13 · Allegro assai (Antonio Vivaldi) [Strumentale]
14 · Adagio Sarabanda (Antonio Vivaldi) [Strumentale]
15 · Allegro (Antonio Vivaldi) [Strumentale]
16 · Adagio in do minore per oboe (Benedetto Marcello) [Strumentale]
17 · Mi credeva d’essar sola (anonimo)
18 · Che pianti, che sfracelo (anonimo)
19 · No dise che sia incostante (anonimo)
20 · La biondina in gondoleta (anonimo)

Tempo Totale: 47:01

ARTISTI:
Elena Bertuzzi
: soprano
Manuele Zanfretta: oboe, bombarda, flauto dolce
Claudia Pasetto: Viola da gamba
Lucio Gugole: clavicembalo

Registrato nel mese di ottobre 2000 presso gli studi del CSM a Verona, Italia.
Tecnico del suono, mix & editing: Fabio Cobelli

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Venetian Symphony tra il rinascimento e il barocco”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.